Ad un primo sguardo, Daisuke è solo un senzatetto giapponese sporco e denutrito, sprofondato in un parka rattoppato malamente.
In realtà, l’uomo porta con sé il peso di mille vite trascorse in un crocevia a metà strada tra la realtà di tutti i giorni e una dimensione mistica, fuori dal tempo e dallo spazio: lì, Daisuke veste i panni di un antico Ronin del passato, la cui colpa lo ha costretto ad un’eternità di espiazione e vagabondaggio tanto fisico quanto spirituale.
Quando la vita di Daisuke si incrocia con la storia di Anna, giovane madre che ha tragicamente perso suo figlio ed è incapace di “andare avanti”, il vagabondo riceve una “chiamata”: una richiesta di soccorso che sembra provenire da un altro mondo.
Per tentare di aiutarla, Daisuke dovrà scontrarsi duramente con Eric, giovane e tormentato amministratore di una spregiudicata società di costruzioni, la cui vita è destinata ad avere un fatale “punto di contatto” con quelle di Anna e Daisuke. Lo scontro con Eric e la lotta del Ronin per salvare la vita di Anna rappresenta però qualcosa di più profondo, che trascende la dimensione terrena: Daisuke sarà costretto a confrontarsi con il male connaturato nell’animo umano e compiere una scelta radicale, che ne segnerà il percorso verso la redenzione.

Regia
Francesco Catarinolo
Soggetto
di Alessandro Regaldo da un'idea di Francesco Catarinolo
Sceneggiatura
Alessandro Regaldo
Musica originale
Marco Cimino
Casting
Stefano Accomo
Interpreti
Taiyo Yamanouchi, Hal Yamanouchi, Marius Bizau e Mimosa Campironi
Direttore di produzione
Produzione esecutiva
Alessandro Regaldo, Francesco Catarinolo e Andrea Scaglione
Produttore
Emiliano Ranzani e Mario Calamita (Produttori associati)
Produzione
Grey Ladder (Torino) - Studio Pandora, in associazione con DImago
con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte - Short Film Fund - luglio 2016