Film Commission Torino PiemonteFilm Commission Torino Piemonte

Preferiti
Ricerca

Film database / Film realizzati / Lungometraggi fiction

My Father - Rua Alguem, 5555

(Josef Mengele - My Father - Rua Alguém 5555, Meu Pai - Papà Rua Alguem 5555)

di Egidio Eronico
Italia/Brasile/Ungheria, 2002, 115'

1977. Manaus, Brasile. Hermann è un giovane tedesco. Si reca in Sudamerica per incontrare, per la prima (e unica) volta, il padre: Josef Mengele. Fino all’età di quindici anni Hermann era stato tenuto all'oscuro di essere l’unico figlio di questo criminale nazista, fuggito dopo la caduta del regime nazionalsocialista e la sconfitta della la Germania. L’incontro tra Hermann e il padre avviene in una favela poverissima. Tra i due c’è una fortissima tensione e lo scontro umano sarà assolutamente inevitabile. Hermann vuole convincere il genitore a costituirsi e a pagare per i suoi orrendi crimini. Ma il confronto tra i due sarà molto difficile.

«Sono un appassionato di Storia perciò ho letto il libro nel 1989. Il romanzo mi aveva molto colpito per due motivi: conoscevo le gesta di Mengele e avevo appena perso mio padre. Mi immedesimai non per il rapporto tra i due. Io andavo molto d'accordo con lui, ma mi chiesi cosa avrei fatto io al posto di Rolf Mengele. Avrei denunciato mio padre una volta saputo dove si trovava? Ecco volevo che lo spettatore si ponesse lo stesso dilemma.

[…] Mi piaceva l'idea di realizzare una pellicola sulla tragedia dell'Olocausto non dalla parte delle vittime, ma dei carnefici. Dopo "Schindler's List" e soprattutto dopo "Il pianista" non sono più necessari film del genere. Con "My father" invece si poteva affrontare una sfida diversa mostrando l'orrore di quei fatti anche attraverso lo scontro generazionale. Quindi incontrai l'autore del romanzo, Schneider, che qui da noi, a Sperlonga, stava mettendo su casa e firmammo l'accordo per i diritti del libro»
(E. Eronico)

RegiaEgidio Eronico
Soggettodal libro "Papà" (e/o Edizioni) di Peter Schneider
SceneggiaturaEgidio Eronico, Antonella Grassi, Fabio Carpi, Peter Schneider
FotografiaJanos Kende, Gherardo Gossi
MontaggioRaimondo Aiello
ScenografiaEttore Guerrieri
CostumiMaria Beatriz Salgado
Musica originaleRiccardo Giagni
SuonoSilvio Da-Rin, Alessandro Doni, Jason Piatt, Marco Tidu (fonico di presa diretta)
OperatoreSebastiano De Pascalis, Marco T. Guglielmoni, Alexandre Ramos
TruccoLaura Borselli
Aiuto registaLuca Lachin, Enrico Marrari
CastingShaila Rubin
Segretario di edizioneMaria Bisognin
Altri creditsFranco Giannì (amministratore di produzione), Francesco Saccani (macchinista); Gianluca Rondinelli (attrezzista di preparazione)
InterpretiThomas Kretschmann (Hermann M.), Charlton Heston (Josef Mengele), F. Murray Abraham (Paul Minsky), Thomas Heinze (Robert S.), Denise Weinberg (Magdalena Weinert), Odilon Wagner (Wolfgang Weinert), Camilo Beviláqua (Jens Keitel), Petra Reinhardt (madre di Young Hermann - Petra Maria Reinhardt), Marit Nissen, Ivan de Almeida, András Stohl, Aron Sipos, Ida Gomes, Zsuzsa Töreky, Marcos Breda
Direttore di produzioneMassimo Martino, Marcelo Torres, Diego Alessandro Cavallo
Ispettore di produzioneLivio Negri
Produzione esecutivaMarisa Grieco, Jaime A. Schwartz, Gian Paolo Varani
ProduttoreGherardo Pagliei, Elisabetta Riga, Roberto Buttafarro
CoproduttoreWalkiria Barbosa, Marc Bechar, Iafa Britz, Aron Sipos
ProduzioneEmme Produzioni (Torino)
con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte, con il contributo del MiBAC, Total Entertainment (Rio de Janeiro), Focus Film (Budapest)
Distribuzione/DiffusioneAB Film Distributors
Assistente alla regiaCatherine Olaya
Assistente di produzionePaolo Bartoli
Vendite internazionaliRoissy Films
Festival - Mercati - EventiBERLINALE 2004: Evento Speciale SHANGHAI FILM FESTIVAL 2004: In Concorso FESTIVAL DO RIO 2003: Panorama
Ricerca guidata
Genere
Anno
Ricerca libera

© 2007 Fondazione Film Commission Torino Piemonte. Tutti i diritti riservati.
Crediti | Contatti | Privacy