Film Commission Torino PiemonteFilm Commission Torino Piemonte

Preferiti
Ricerca

Film database / Film realizzati / Lungometraggi fiction

La valigia di Tulse Luper - Parte III. Da Sark alla fine

(The Tulse Luper Suitcases. Part III. From Sark to Finish)

di Peter Greenaway
Italia/Lussemburgo/UK/Spagna/Ungheria/Olanda, 2003, 120'

Le valigie di Tulse Luper è una trilogia di 120 minuti, composta da 16 episodi.
La vita di Tulse Luper, di professione prigioniero, viene raccontata attraverso le 16 prigioni in cui viene di volta in volta imprigionato, partendo dal ritrovamento di 92 valige sparse in tutto il mondo, in un periodo che va dal 1928, anniversario della scoperta dell’Uranio, alla caduta del Muro di Berlino nel 1989.
Tulse, che ha fatto dell’essere prigioniero un’arte, è accusato dei crimini più disparati, sia reali che immaginari: spionaggio, avidità, amore, appropriazione indebita, assassinio, ambizioni politiche e per l’ambizione in se stessa.
Lo scrittore, collezionista e prigioniero professionista Tulse Luper continua le sue avventure come prigioniero professionista negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Prima nell’isola paradisiaca di Sark dove si gode la prigionia autoinflittasi fino a che non viene consegnato a tradimento ai tedeschi da un trio di sorelle gelose. Poi a Barcellona, dove è perseguitato da un cacciatore di taglie per proteggere e sostenere il matrimonio lesbico della ex moglie e delle amanti dei suoi carcerieri. Quindi è a Torino dove viene costretto a diventare il ragazzo dell’ascensore della Mole Antonelliana osservando i segreti degli italiani soffocati dal regime fascista. Dopo va a Venezia dove uccide uno dei carcerieri mentre un altro gli fa una profferta. Infine è a Roma mentre arrivano gli americani e dove accetta le avance del suo carceriere che sta per morire di avvelenamento da uranio.

«"The Tulse Luper Suitcases" è un ambizioso tentativo di entrare completamente nell’Era digitale. È un progetto di grande portata geografica e storica, che esamina in modo enciclopedico – attraverso lungometraggi, DVD, spettacoli teatrali, mostre, installazioni, siti web e libri – la vita di Tulse Luper, detenuto, collezionista e ricercatore di cose professionista dal 1911 al 2003. Le ricerche si incentrano su 92 valigie imballate che vengono da tutto il mondo e che, se esaminate e liberate degli imballi, offrono testimonianze sempre maggiori della sua vita e della sua epoca. "The Tulse Luper Suitcases" è masterizzato e montato in digitale HD, con il desiderio di essere un vero prodotto del cinema postcelluloide, entrando dentro a tutto l’eccitante potenziale offerto dalla proliferazione di immagine e suono promossa dai nuovi media cinematografici» (Peter Greenaway)

RegiaPeter Greenaway
SoggettoPeter Greenaway
SceneggiaturaPeter Greenaway
FotografiaReinier Van Brummelen
MontaggioElmer Leupen, Chris Wyatt
ScenografiaMárton Ágh, Davide Bassan
CostumiAndrea Flesch, Beatrice Giannini
Musica originaleGiovanni Sollima, Borut Krzisnik
SuonoJános Köporosy
OperatoreRuzbeh Babol
Effetti specialiFrancesco Paglia, Mauro Vicentini
Aiuto registaXavier Bernabeu
CastingPep Armengol, Peter Wooldridge
Altri creditsAdriano Bassi (locatio manager); Veronica Armento (runner). Andrea Ullo (assistente pittore di scena); Amedeo Di Renzo (attrezzista). Marco Montanaro e Andrea Raffaele Arnaud (macchinisti). Pasquale Gian Luca Scognamiglio (elettricista); Michele Milo (aiuto elettricista). Jerry D'Avino (secondo assistente aggiunto hari stylist).
InterpretiRoger Rees (Tulse Luper), Stephen Billington (Tulse Luper – Adulto), Giovanni Capalbo (Heinkel), Valentina Cervi (Cissie Colpitts), Roberto Citran (Raoul Wallenberg), JJ Feild (Tulse Luper – giovane), Anna Galiena (Madame Plens), Renata Litvinova (Constance Bulitsky), Drew Mulligan (Martino Knockavelli), Ornella Muti (Mathilde Figura), Kristina Orbakaite, Jochum ten Haaf (Bouillard), Ana Torrent (Charlotte des Arbres)
Direttore di produzioneMiguel Puertas
Ispettore di produzioneEdmon Roch e Adriano Bassi
Organizzatore generaleDeborah Abesser
Produzione esecutivaWouter Barendrecht, Carlo Dusi, Michael J. Werner
ProduttoreKees Kasander, Gherardo Pagliei, Elisabetta Riga, Jimmy De Brabant, Aron Sipos.
CoproduttoreAntoni Sole, Sándor Söth.
ProduzioneKasander Productions (Londra), The Kasander Company (Rotterdam), ABS Production (Barcellona), Focus Film (Budapest), De Lux Production (Lussemburgo); Gam Film (Roma)
con il contributo del MiBAC e con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte
Distribuzione/DiffusioneIstituto Luce
Vendite internazionaliFortissimo Film Sales
Festival - Mercati - Eventi- FESTIVAL INTERNAZIONALE DEL CINEMA DI ISTANBUL 2005: Mined Zone - HONG KONG INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2005: Digital Cinema - MEXICO CITY'S INTERNATIONAL CONTEMPORARY FILM FESTIVAL 2005: Parallel Focuses: Galas - SOFIA INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2005: Directors in Spotlight - TAIPEI GOLDEN HORSE FILM FESTIVAL 2005: Master Class - TRIBECA FILM FESTIVAL 2005: Special Screening - MONTREAL INTERNATIONAL FESTIVAL OF NEW CINEMA AND NEW MEDIA 2004: Eventi - LA BIENNALE DI VENEZIA 2003: Controcorrente/Evento Speciale - TORONTO INTERNATIONAL FILM FESTIVAL 2003: Visions
Ricerca guidata
Genere
Anno
Ricerca libera

© 2007 Fondazione Film Commission Torino Piemonte. Tutti i diritti riservati.
Crediti | Contatti | Privacy